piadine con esubero di pasta madre
Autoproduzione Cucina

Piadine con esubero di pasta madre

Diciamo subito che quella che segue non è la ricetta canonica delle piadine, manca anche lo strutto, ma è la ricetta che usiamo noi a casa, liberamente adattata da un corso di Angela Verdiani al quale ho assistito qualche anno fa.
Per rendere più divertenti e personalizzati i nostri pasti, ogni tanto ci piace mangiare dei panini che ognuno crea direttamente a tavola.
Prepariamo tutti gli ingredienti base partendo dal burgher fino alle salse.
Ultimamente, oltre ai panini, stiamo sperimentando una sorta di piadine utilizzando l’esubero di pasta madre, da abbinare a gusti tra il messicano e il medio orientale, praticamente una cena intorno al mondo.
Le piadine con esubero di pasta madre si possono anche congelare per avere sempre una scorta pronta per essere utilizzate, magari quando non si ha voglia o tempo per cucinare.
Le salse non devono mai mancare, il ketchup fatto in casa e la salsa piccante, poi abbiamo la maionese vegana e la salsa allo yogurt. Come ripieni si possono utilizzare le verdure di ogni tipo, i legumi, le polpette.

Ingredienti

  • 250 gr semola
  • 250 gr farina tipo 1
  • 100 gr pasta madre
  • 225 gr acqua
  • 10 gr sale
  • 50 gr olio evo
  • Olio evo per spennellare

Mescoliamo le farine, poi iniziamo ad aggiungere l’acqua. Quando tutta la farina è impastata lasciamo riposare una ventina di minuti. Aggiungiamo la pasta madre e l’acqua rimanente. Impastiamo e aggiungiamo il sale. Alla fine inseriamo l’olio. Meglio versare l’olio in più volte per impastare con maggior facilità.


Lasciamo riposare coperto almeno per mezz’ora. Trascorso il periodo di riposo formiamo delle palline del peso di circa 80 gr. Copriamo con un panno per non farle seccare e facciamo riposare ancora per mezz’ora.
Adesso prendete le palline d’impasto e stendetele con il mattarello. Una volta stese le spennellate con olio e poi arrotolatele fino ad ottenere una specie di grissino e formate delle chiocciole.


Fate riposare per l’ultima volta l’impasto a mo’ di chiocciola in frigo per un’oretta coperto.

Mettiamo a scaldare una padella, sufficientemente larga. Intanto iniziamo a stendere le piadine con pasta madre. Noi preferiamo farle sottili, ma lo spessore poi va a gusto personale. Fate attenzione che una volta stesa la pasta tende a ritirarsi, quindi meglio stenderle una alla volta e poi cucinarle, oppure stenderle tutte e poi prima di passarle in padella ristenderle.


Cuciniamo le piadine con esubero di pasta madre circa un paio di minuti per lato, poi le appoggiamo sopra uno strofinaccio e le copriamo, in modo da mantenerle al caldo. In questo modo mantengono, oltre al calore, anche l’umidità necessaria a mantenerle morbide fino al momento di consumarle.

Per congelarle, attendiamo che siano completamente raffreddate e le adagiamo in un sacchetto per alimenti. Per consumarle, poi, le togliamo dal congelatore almeno mezz’ora, e le passiamo poi in padella per ridarle un po’ di calore e renderle più fragranti.

Continuate a seguirci per altre idee e spunti, qui sotto potete trovare le pagine dove trovarci.

Potrebbe piacerti...

Rispondi